Logo Registro Fiat 124 Sport Spider

REGISTRO NAZIONALE FIAT 124 SPORT SPIDER

Ultimo aggiornamento: martedì 27 novembre 2018

LE NEWS DEL REGISTRO:
articoli e diari di viaggio degli associati

18 giugno 2017

52° raduno, nelle colline venete


Il 10 e 11 Giugno si è tenuto il 52° raduno del Registro Nazionale Fiat 124 Sport Spider, una due giorni in cui si è cercato di unire la storia e cultura dei territori visitati al piacere di guidare le nostre spider su strade che si incastonano nel paesaggio, oltre che “in primis” il piacere di ritrovarsi assieme con un sereno spirito di amicizia. Primo randez-vous a Canove, in prossimità di Asiago per la visita al Museo della Grande Guerra: esperienza sempre toccante quella dei musei di guerra, ma che permette a tutti di riflettere sull’orrore che ogni conflitto trascina con se, nella speranza che ognuno di noi, almeno nel proprio piccolo universo, diventi un messaggero di pace contro ogni guerra.
 
Nella presentazione di rito del programma da parte del Presidente Brancolini, un commosso pensiero ci ha uniti nel ricordo di Tom Tjaarda, padre della 124 spider, mancato pochi giorni prima lasciando un vuoto nel mondo del design dell’auto e nelle persone che hanno avuto la fortuna di conoscerlo.
 
A seguire nel nutrito programma del pomeriggio la visita all’Osservatorio Astronomico di Pennar ad Asiago, costruito nel 1942 con l'inaugurazione del telescopio Galileo da 122cm di diametro (all’epoca il più grande strumento di questo tipo esistente in Europa) ancora utilizzato per la ricerca astronomica. Purtroppo la giornata di sole velato non ha aiutato l’osservazione diretta del sole con un telescopio di minore importanza, ma ha ugualmente permesso di conoscere un altro pezzo di storia del nostro Paese.
 
Ma la giornata non era ancora finita, dopo alcuni km di una bellissima strada panoramica il gruppo si è regalato una sosta in un locale tipico per una rapida ma eccellente merenda ristoratrice prima dell’arrivo in serata a Levico per la cena ed un meritato riposo.
Il mattino ha sorpreso tutti con un sole ed un cielo limpidissimi, che hanno esaltato i colori dei boschi trentini accompagnando l’ordinata fila di auto verso Rovereto attraversando passi a oltre 1300 msl. A metà percorso una sosta ristoratrice per un caffè e qualche chiacchiera; l’esposizione delle 30 vetture in un grande piazzale a bordo strada tutte uguali ma tutte diverse per colore o modello ha suscitato l’interesse a l’ammirazione dei passanti ed i saluti calorosi dei numerosi gruppi di motociclisti.
 
Ha concluso la serie delle visite il MART, Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto, uno dei più importanti musei europei. Le guide, appositamente prenotate dalla organizzazione del Registro, ci hanno accompagnato attraverso 150 anni di storia dell’arte, dalla fine del XIX secolo a oggi, attraverso le le avanguardie di primo 900 , il futurismo, fino alle ricerche della seconda metà del secolo per giungere alle sperimentazioni della contemporaneità e i nuovi media.
 
Ancora una lunga galoppata ed una salita “a prova di frizione” superata brillantemente da tutte le vetture per giungere ad un meraviglioso agriturismo per il pranzo di arrivederci. In questa occasione il Registro ha donato ai soci partecipanti una copia di  un disegno originale di Tom Tjaarda della 124 spider, uno schizzo tracciato appositamente per il Registro e che ci riunisce tutti idealmente sotto un unico emblema.
 
Ci complimentiamo col socio Pinci Carlo e sua figlia Ludovica che nel medesimo week-end con la loro Fiat 124 Sport coupè hanno ottenuto una strepitosa vittoria assoluta e di categoria nel Rally Storico di Modena portando sugli allori i colori del Registro Fiat 124 Sport Spider. Un finale di giornata pieno di soddisfazioni per la buona riuscita del raduno ed il successo del nostro socio a cui vanno di nuovo le nostre felicitazioni.
 
E’ stato bello ritrovarsi, è stato bello condividere la felicità di un successo sportivo, ed è stato bello sentire che nonostante non sia più tra noi ma più vicino alle stelle, Tom ci ha lasciato in custodia un progetto, un’idea di auto che ci terrà ancora più uniti. Dedichiamo a lui questo 52° raduno.

Link: 52° raduno, nelle colline venete | Notiziario